Come applicare la "Regola dei Terzi" nell'arredamento

  • domenica, ottobre 07, 2018

Regola dei Terzi e asimmetria nell'arredamento
Come in tutte le arti visive, in architettura d’interni l'equilibrio è molto importante. Si tratta di studiare come bilanciare il “peso” visivo degli elementi. Ma una cosa fondamentale da sapere è che l'equilibrio viene creato non solo attraverso la forma, ma anche attraverso il colore, la fantasia e la trama.

Oggi vedremo come la Regola dei Terzi, un “trucco” molto usato in fotografia, ti potrà aiutare ad arredare la tua casa.

Pensi che tutto in casa debba essere disposto in modo simmetrico? Sei preoccupato che, se non è simmetrico, potrebbe non sembrare equilibrato? Molti dei nostri clienti sono ossessionati dalla simmetria. La simmetria gioca un ruolo importante nell'interior design, non possiamo negarlo - due comodini con due lampade corrispondenti, ad esempio – soprattutto nell'arredamento classico, ma è l'asimmetria che rende interessante un interno. [fonte immagine sopra]

arredamento-simmetria [fonte]

Essenzialmente, per un arredamento ben riuscito ci deve essere un equilibrio tra simmetria ed asimmetria.

Continua a leggere per saperne di più su cosa sia esattamente l'asimmetria e la Regola dei Terzi, perché è importante e come puoi utilizzarla nei tuoi interni. Siamo sicuri che quando avrai finito di leggere, sarai pronto a fare alcuni piccoli “aggiustamenti” che renderanno la tua casa più interessante.


Cos'è la Regola dei terzi

Oggi vogliamo condividere con te un principio della composizione fotografica, che ti aiuterà a prendere confidenza con le disposizioni asimmetriche. Il metodo è utile per superare i modelli prevedibili, scontati, a volte noiosi nella disposizione dell'arredo di una casa.

La regola dei terzi è una guida compositiva tra le più conosciute e usate dai fotografi, amatoriali e professionisti. Se sei un artista, un grafico o un fotografo, sai di cosa stiamo parlando. Per tutti gli altri, si disegna una griglia immaginaria di nove sezioni: due linee orizzontali e due linee verticali, disposte a 1/3 e 2/3. Potresti aver visto questa griglia nel display della tua macchina fotografica digitale.

La regola dice che il soggetto principale dovrebbe essere posizionato lungo queste linee o le loro intersezioni. Questo renderà la composizione (e quindi la fotografia) più interessante per il nostro occhio.

Regola dei Terzi in fotografia
Rendi più interessante l'arredamento della tua casa con questo semplice trucco preso in prestito dalla fotografia!



Differenze tra Sezione Aurea e Regola dei Terzi

Si dice spesso che la Regola dei Terzi derivi dalla Sezione Aurea degli antichi greci, un concetto che molto probabilmente, sta in mezzo ai ricordi confusi delle lezioni di arte apprese a scuola. Ma in realtà sono due cose molto diverse.

1- In poche parole, la sezione aurea è una proporzione, un rapporto di un elemento rispetto all'altro (per la precisione è una costante matematica irrazionale, di circa 1,61).

2- La regola dei terzi è invece un metodo utile per inserire elementi in una composizione, facendo in modo di controllare dove l'occhio dello spettatore si poserà. Puoi notare che questa descrizione della regola dei terzi non parla né si focalizza sulla proporzione, che invece sta alla base della sezione aurea.

Oggi non affrontiamo il tema della sezione aurea, che è un po’ complesso. Vediamo, invece, come la regola dei terzi possa servire per un "buon" design d'interni.



La regola dei terzi per l'arredamento

Chiunque abbia portato a casa un nuovo specchio o quadro sa quanto possa essere difficile il posizionamento su una parete. Pensi di essere sicuro, che sarà perfetto in quel punto, ma quando lo metti lì qualcosa non va.

Sicuramente la via più facile e rapida è una disposizione simmetrica, ma in questo modo si otterrebbe un ambiente statico e banale (almeno nella maggioranza dei casi, poi ovviamente ci sono le eccezioni). Molte persone si sentono in dovere di centrare tutti i loro mobili e complementi per rendere tutto simmetrico. Ma è l’asimmetria la vera chiave per avere un ambiente personalizzato ed accogliente. Troppa simmetria fa sembrare monotona, fredda e poco accogliente una stanza.

Le basi dell'arredo asimmetrico comprendono composizioni basate sull'evitare la ripetizione, tipica degli stili classici o tradizionali.

Se la definizione di asimmetria è “mancanza di simmetria”, ciò non significa che sia anche una mancanza di equilibrio, come alcuni credono erroneamente. Vogliamo che tu ti senta più a tuo agio nel provare alcune disposizioni asimmetriche e promettiamo che saranno comunque in equilibrio!

Ecco alcuni esempi facili per applicare la regola dei terzi nell'arredamento e creare composizioni asimmetriche.

Innanzitutto determina quale parte della tua composizione avrà maggiore peso visivo. Utilizzare una griglia per creare asimmetria ti aiuterà a raggiungere l'equilibrio giusto.

Questa regola aiuta a “spezzare” visivamente ampie superfici, come il top di un cassettone lungo, un buffet o una consolle. Se stai provando a disporre oggetti e quadri su di un mobile di questo tipo, procedi così: invece di posizionare il gruppo di oggetti al centro, come verrebbe spontaneo, prova a metterlo a 1/3 circa della lunghezza del mobile. In questo modo, sarà più piacevole per l'occhio.
 

regola-dei-terzi-nell'arredamento-disposizione [fonte]

Per creare una disposizione equilibrata e simmetrica avresti dovuto posizionare l'oggetto principale al centro (ad esempio un quadro, una foto) e poi raddoppiare gli oggetti di contorno, per disporli da entrambi i lati (esempio, due vasi, due candele ecc). Se usi la regola dei terzi, ti basta solo spostare l'oggetto principale da un lato e aggiungere alcune decorazioni al suo fianco da una parte soltanto.

Questo è solo un esempio di come puoi usare la regola dei terzi per provare alcune disposizioni asimmetriche.

Anche per la disposizione dei quadri su una parete, prima di riempire il muro di inutili chiodi, prendi in considerazione la regola dei terzi. Crea composizioni più interessanti per le tue pareti, dividendole nella griglia immaginaria.

regola-dei-terzi-nell'arredamento-quadri


[fonte]

Ci sono diversi vantaggi nell'usare questo concetto:

  • È facile da usare e capire.
  • Crea armonia visiva.
  • I punti di intersezione lungo la griglia sono facili da trovare.
  • Risolve situazioni difficili in cui una disposizione simmetrica non funzionerebbe, perché ad esempio la stanza non è simmetrica, la parete non è regolare ecc.
  • Come per tutto ciò che riguarda l'interior design, è una "regola" flessibile ed adattabile alle proprie esigenze.


    Conclusioni

    Ora che hai capito la regola dei terzi, sei pronto per iniziare? Guardarti anche intorno. Potrebbe essere sorprendente vedere in quanti luoghi puoi trovare questo tipo di composizione. Finchè non ci fai caso è qualcosa che non si nota.
    Impara come utilizzare la linea guida della fotografia, la regola dei terzi, per arredare. Rendi la tua casa più interessante con questo semplice trucco.

    Nella gallery qui di seguito, ti mostriamo altri esempi di come utilizzare la regola dei terzi.

    mix-match-abbinare-fantasie-diverse (11)[6][fonte]

    regola-dei-terzi-nell'arredamento-disposizione-2 [fonte]

    regola-dei-terzi-nell'arredamento-1 [fonte]

    regola-dei-terzi-nell'arredamento-2 [fonte]

    come-decorare-soggiorno [fonte]

    regola-dei-terzi-nell'arredamento-3 [fonte]

    appartamento-stile-mix-match (1)[fonte]

    studio-cameretta-ragazzi [fonte]

    recuperare-vecchie-porte [fonte]

    casa-shabby-chic-industriale (3)[3][fonte]

    Anna e Marco - CASE E INTERNI

    Ti potrebbero anche interessare:

    0 commenti