Piattaforme elevatrici: adattarle e adattarsi

  • sabato, ottobre 28, 2017

Montascale Ceteco

L'abbattimento delle barriere architettoniche è una questione che non riguarda più solo gli edifici pubblici, ma coinvolge anche le abitazioni private.

Soprattutto in palazzine organizzate su più piani o in edifici storici caratterizzati da spazi angusti e pendenze diverse, può nascere il problema di come installare uno strumento elevatore che sia in grado di fornire un utile supporto per chi ne avesse necessità.

Per una persona diversamente abile o in carrozzina, o un anziano con difficoltà motorie, una semplice rampa di scale può a volte trasformarsi in un limite invalicabile, tanto da rendere il proprio appartamento un ambiente ostile.

Per rispondere a questa necessità, tra le scelte più apprezzate, soprattutto nelle villette o nelle unità familiari su più piani, ci sono le piattaforme elevatrici. Sono impianti comodi e funzionali, simili agli ascensori per portabilità, ma con un'installazione più semplice e meno impegnativa a livello strutturale.

L'acquisto di tali strumenti, però, non è una scelta che può essere fatta con leggerezza. Non solo i costi possono essere molto elevati, ma anche, a seconda del supporto prescelto e delle caratteristiche della propria casa, intaccherà fortemente il lato estetico e strutturale.

Per questo motivo è sempre meglio rivolgersi a dei professionisti, che saranno in grado di consigliarvi la tipologia di piattaforma elevatrice più adatta alle vostre esigenze.

Vediamo insieme le caratteristiche delle piattaforme elevatrici e quali soluzioni potrebbero essere messe in pratica per adattarle alla propria abitazione, senza sconvolgerne completamente il design e l'arredamento.

La piattaforma elevatrice: un ascensore domestico

Quando ci rechiamo in un edificio pubblico, in un albergo o in condominio di tanti piani, siamo abituati alla presenza dell'ascensore, ossia un elevatore verticale in grado di trasportare un certo numero di persone al suo interno e di facilitare le operazioni di carico e scarico di oggetti ingombranti e pesanti.

E se volessimo avere il nostro ascensore a uso domestico, senza dover affrontare enormi costi di installazione e manutenzione? In questo caso la risposta migliore sono le piattaforme elevatrici, ideali per garantire la mobilità domestica alle persone anziane, disabili e a tutti coloro che soffrono di gravi disabilità motorie.

Anche se la funzione che svolge è sostanzialmente la medesima, la piattaforma elevatrice differisce dall'ascensore per alcune caratteristiche, ben spiegate nelle Direttiva Europea 2006/42 CE: le principali sono una velocità ridotta, che non deve superare gli 0,15 metri al secondo, e l'azionamento mediante manovra a uomo presente, contro il funzionamento automatico dell'ascensore.

Il giusto modello per il giusto spazio

Se adesso state pensando che la vostra abitazione non è adatta a ospitare una piattaforma elevatrice, dovete sapere che in commercio esistono molti modelli differenti, in grado di adattarsi a tutti gli spazi e a tutte le necessità.

Anche se è più facile inserirle nelle case prefabbricate, che in genere accostano al vano scale uno spazio idoneo ad ospitare una piattaforma elevatrice, in verità, questi piccoli elevatori possono essere inseriti anche in case di nuova costruzione o in edifici più datati.

A differenza, infatti, degli ascensori, le piattaforme elevatrici possono andare ad occupare anche spazi contenuti: le dimensioni standard per il supporto del vano arrivano fino a circa 110 x 140 cm, ma in commercio esistono anche modelli mini, in grado di garantire il minimo ingombro di 60 x 60 cm. Per adattarle allo spazio esiguo del vostro appartamento, potete quindi scegliere modelli mini da incassare nel vano scale oppure optare per il taglio degli scalini.

Per l'installazione è necessaria solo una parete portante e non serve scavare una fossa molto profonda, al massimo di 10-12 cm. Questo perché è previsto un piano di appoggio molto aderente a quello del pavimento per facilitare l'accesso con le carrozzine.

Per chi è attento al design e all'impatto estetico che l'installazione di una piattaforma elevatrice potrebbe avere sulla propria casa, il consiglio è quello di rivolgersi a dei professionisti del settore. Potranno consigliare la soluzione più efficace e personalizzata, proponendo modelli in grado di combinare estetica, sicurezza e comfort, così da garantire la massima autonomia a chi dovrà usufruire delle piattaforme.

In commercio esistono modelli realizzati in materiali diversi, sia per le finiture esterne che per gli interni, in modo da potersi adattare allo stile e all'arredamento del vostro appartamento.

Se avete arredato la vostra casa secondo uno stile rustico, potete pensare di predisporre delle finiture in legno o granito, in grado di regalare quel tocco di calore in più, anche ai macchinari più tecnologici.

Se invece la vostra casa ha uno stile più moderno e nordico, è sempre d'effetto una piattaforma elevatrice in cristallo autoportante, bella da vedere e perfetta anche per un'installazione in esterna, purché abbiate la pazienza di pulirla periodicamente.

Se poi volete dare un tocco contemporaneo e urbano al vostro arredamento, lo stile industriale va molto di moda e di sicuro non stonerà l'inserimento di un modello cromato o in metallo dallo stile più commerciale.

Ti potrebbero anche interessare:

0 commenti